Navigation

Parigi vuole obbligo musica francese su Spotify & Co

Parigi vuole difendere la musica francese. KEYSTONE/EPA/SASCHA STEINBACH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 novembre 2019 - 13:17
(Keystone-ATS)

La Francia vuole costringere le piattaforme di streaming musicale come Deezer o Spotify a promuovere maggiormente la diffusione di artisti nazionali o comunque francofoni, come già accade per le radio di Francia.

Negli ultimi mesi, i gruppi radiofonici si erano espressi in questo senso, chiedendo all'amministrazione di Emmanuel Macron di ripristinare la parità di trattamento tra loro e le piattaforme streaming.

Queste ultime sfuggono infatti alle leggi che impongono alle radio di trasmettere almeno il 40% di brani francofoni nelle ore di massimo ascolto, una norma in vigore dagli anni Novanta. Le radio vorrebbero, in particolare, che queste regole divengano più flessibili.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.