Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - L'ereditiera americana Paris Hilton, arrestata circa tre settimane fa a Las Vegas per possesso di droga, si è riconosciuta colpevole oggi a Las Vegas e ha patteggiato una condanna a 2.000 dollari di multa e a 200 ore di lavoro in servizi sociali. Riconoscendosi colpevole, però, la Hilton ha evitato il carcere.
Paris Hilton, 29 anni, era stata arrestata il 28 agosto scorso nella 'strip' di Las Vegas per detenzione di droga: nella sua borsa gli agenti avevano trovato 0,8 grammi di sostanza stupefacente. In un primo momento la Hilton aveva negato che la borsetta fosse sua. Poi, anche su consiglio dei suoi legali, aveva ammesso il possesso della coca e oggi ha patteggiato una pena a 200 ore di lavori socialmente utili.
"Le assicuro che il Clark County Detention Center non è il Waldorf Astoria" ha detto all'imputata il giudice Joe Bonaventure nel corso dell'udienza.
Tre anni fa Paris Hilton, ereditiera dell'omonimo gruppo alberghiero (di cui fa parte anche il Waldorf Astoria di New York) era stata condannata per guida in stato di ebbrezza e aveva trascorso un periodo di tre settimane in carcere.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS