Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Parlamentari, più trasparenza, ma senza esagerare

Gli eletti alle Camere federali dovrebbero essere più trasparenti in merito ai viaggi di lavoro e alla rimunerazione delle attività extraparlamentari. Ne è convinta la Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale (CIP-N).

La commissione tuttavia non intende obbligare i deputati a rivelare i compensi o ad astenersi dal prendere posizione qualora la commissione di cui fanno parte si occupasse di dossier direttamente collegati con le loro entrate.

Nel corso della seduta, la CIP-S ha esaminato nove iniziative parlamentari volte a migliorare la trasparenza dei deputati, giudicandone tuttavia solo due - entrambe inoltrate dall'UDC - degne di essere approfondite.

Già oggi i parlamentari devono elencare le attività che esercitano fuori dall'aula. In futuro, la commissione auspica - 16 voti a 8 - che si precisi se determinate attività sono pagate oppure vengono svolte a titolo benevolo.

No invece a indicazioni - come chiedevano 3 iniziative parlamentari - sull'ammontare dei guadagni percepiti dai soggetti indicati nel registro degli interessi e nessuna trasparenza nemmeno sul valore (a partire da una certa soglia) dei doni ricevuti in relazione con un attività politica, come auspicato da un'iniziativa del PS.

Sì invece a un'iniziativa dell'UDC che permetterebbe ai parlamentari di informare i media sui viaggi all'estero a spese dei contribuenti.

La CIP-N non ha però voluto saperne di obbligare quei deputati a ricusarsi in commissione se un determinato dossier influisce direttamente sui loro guadagni. Per la maggioranza della CIP-N è quasi impossibile distinguere, caso per caso, le difesa di interessi politici da quella di interessi finanziari personali.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.