Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Discussioni cordiali, gradevoli e utili, ma attenzione a non interrompere il filo del discorso": questo il messaggio emerso dall'incontro tra le delegazioni parlamentari italiana e svizzera, svoltosi lunedì e oggi a Berna. Sono state affrontate varie questioni aperte tra i due paesi con consapevolezza e serietà, ma non sempre è emersa una visione comune.

La delegazione elvetica era guidata dal consigliere nazionale Fulvio Pelli (PLR/TI), quella italiana dal deputato Fabio Evangelisti (Italia dei valori). Quattro le tematiche attorno alle quali si è sviluppata la discussione, come ha precisato Pelli in un incontro con i media: trasporti ferroviari (con la necessità di completare l'asse Genova-Rotterdam), energia, fiscalità e rapporti Svizzera-UE, quest'ultimo non sempre ben compreso dalla delegazione italiana.

E' stato importante riprendere il discorso, ma adesso stiamo attenti a mantenerlo vivo e non bloccarlo, ha ammonito Evangelisti, membro del partito dell'ex magistrato di mani pulite Antonio Di Pietro. Partiamo da Berna con un impegno, e una maggiore determinazione, ha aggiunto: trasmettere i risultati dell'incontro sia al governo che al parlamento italiano, attraverso "un documento che li incalzi entrambi a muoversi". Far conoscere le risposte che abbiamo individuato sui singoli problemi. "Non ci sono soluzioni unanimi, ma era importante fare un pezzetto di strada comune".

Quanto al problema della fiscalità, su cui con il governo di Mario Monti si è avviato un sostanziale dialogo contrariamente a quanto era avvenuto con l'esecutivo di Silvio Berlusconi, la delegazione italiana auspica che possa essere risolto nell'ambito di un accordo quadro tra la Svizzera e l'Unione europea. Ma se questo non fosse possibile allora è pensabile un'intesa come quella conclusa con Germania e Gran Bretagna. "Il confronto è stato utile, ma non possiamo risolverlo qui", ha commentato il capo delle delegazione italiana. Accordo entro la fine della legislatura Monti? Sarà difficile, vista la scadenza elettorale della prossima primavera. Tuttavia, questo "sarebbe il momento di concluderlo, poi di annunciarlo". Invece in Italia si tende a fare il contrario, ha rilevato polemicamente Evangelisti.

Della delegazione elvetica hanno fatto parte, oltre a Pelli, anche i ticinesi Lorenzo Quadri (Lega), Pierre Rusconi (UDC), Filippo Lombardi (PPD) e Fabio Abate (PLR).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS