Navigation

Passeggeri violenti: macchinisti criticano FFS

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 aprile 2012 - 11:08
(Keystone-ATS)

I macchinisti hanno la possibilità di seguire dei corsi di autodifesa per essere in grado di proteggersi dai passeggeri violenti. Per l'associazione svizzera di categoria ciò non basta: le FFS non devono lasciar da soli i conducenti dei treni regionali al momento di compiere i controlli di fine giornata.

Nel corso di queste verifiche, in particolare nel fine settimana, i macchinisti sono spesso confrontati con passeggeri ubriachi o drogati, particolarmente imprevedibili e spesso aggressivi, afferma il portavoce dell'associazione, Hubert Giger, in un'intervista pubblicata oggi da "Migros Magazin".

I macchinisti non sono più disposti ad assumersi questi rischi: i controlli tecnici di fine giornata sui treni regionali devono svolgersi in pattuglie di due persone, aggiunge. L'ex regia è da tempo al corrente di questo problema, spiega Giger, ma non ha fatto nulla e non mai voluto ammettere che non spetta ai macchinisti compiere queste verifiche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?