Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un pastore protestante 68enne, arrestato lo scorso mese di marzo nel canton Argovia per sospetti abusi sessuali su bambini, rimarrà in detenzione preventiva.

Il Tribunale cantonale ha parzialmente accolto un ricorso del Ministero pubblico contro la liberazione dell'imputato.

La detenzione preventiva è prolungata fino al 28 luglio, indica in una nota odierna il Tribunale cantonale argoviese. La Corte ritiene questo termine adatto per permettere al Ministero pubblico di terminare l'inchiesta senza il rischio di occultamento delle prove.

Il pastore, arrestato alla fine del mese di marzo dopo la denuncia di una delle vittime, ha parzialmente ammesso i fatti. Era attivo in diverse parrocchie protestanti nei cantoni di Argovia, Soletta e Svitto.

Il Ministero pubblico ritiene che il rischio di recidiva sia elevato visto che l'ultimo caso di abuso si sarebbe verificato poco tempo prima dell'arresto.

SDA-ATS