Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La proposta di concedere già a 17 anni il patentino non convince i maestri di guida.

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Licenza di allievo conducente dai 17 anni e formazione complementare ridotta: i maestri di guida respingono le proposte di revisione della formazione alla guida, che considerano "pericolose".

L'Associazione svizzera dei maestri conducenti (ASMC) ha ribadito oggi, in una conferenza stampa a Regensdorf (ZH), le sue critiche alla revisione messa in consultazione dal Consiglio federale.

Le statistiche dimostrano che gli incidenti con giovani conducenti feriti sono in calo. "Abbiamo uno dei sistemi migliori, che vede i maestri conducenti e i privati lavorare mano nella mano", ha sottolineato Willi Wismer, presidente della sezione zurighese dell'organizzazione.

Per Urs Fasel, presidente centrale di ASMC, la revisione presentata in aprile dall'Ufficio federale delle strade (USTRA) "non solo è mal fatta, ma potrebbe anche avere effetti mortali".

Fra le novità che Berna vuole introdurre c'è ad esempio la possibilità di ottenere il patentino di allievo conducente al compimento dei 17 anni, in modo da potersi presentare all'esame pratico a 18 anni.

Durante i primi sei mesi dall'ottenimento della licenza in prova, i neopatentati sarebbero inoltre tenuti a frequentare un solo corso di formazione complementare di un giorno, invece di due.

Con questa revisione avremo ogni anno fino a 40'000 nuovi conducenti 17enni e inesperti sulle strade, ha affermato Fasel. I maestri di guida si oppongono anche al taglio del secondo corso di formazione complementare, che prevede tra l'altro prove al simulatore con dieci partecipanti confrontati con situazioni di guida particolari, come l'arrivo improvviso di un pedone che attraversa una strada.

Uno studio realizzato presso l'Alta scuola zurighese di scienze applicate (ZHAW) non ha mostrato grandi cambiamenti nello stile di guida prima o dopo aver frequentato il corso. Si notano tuttavia miglioramenti nell'affrontare situazioni di pericolo, ha dichiarato Markus Hackenfort, professore di psicologia del traffico presso la ZHAW.

Per l'organizzazione dei maestri di guida il secondo corso di formazione complementare può essere migliorato, ma non va abolito. La consultazione relativa alle nuove prescrizioni delle patenti di guida dura fino al 26 ottobre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS