Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Patto Trump-Xi, via a tregua di 90 giorni sui dazi

Le due delegazioni durante la cena di ieri.

KEYSTONE/AP/PABLO MARTINEZ MONSIVAIS

(sda-ats)

Per il momento un'escalation della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, tanto temuta da far evocare un nuova guerra fredda, è scongiurata. E c'è da giurare che lunedì i mercati, già preoccupati da un rallentamento dell'economia globale, brinderanno.

Quella tra Donald Trump e Xi Jinping, in un hotel di Buenos Aires, è stata una cena conclusasi con un lungo applauso delle delegazioni presenti, a sigillare il patto sancito tra i due presidenti dopo circa due ore e mezza di colloqui: ci sarà una tregua sui dazi e durerà 90 giorni. Tre mesi entro i quali i due Paesi dovranno trovare un accordo a tutto campo con l'ambizioso obiettivo di aprire una nuova era nei rapporti tra Washington e Pechino.

Per sbloccare la situazione il presidente americano ha promesso che dal primo gennaio non scatterà, come era previsto, l'aumento al 25% delle tariffe su una serie di prodotti 'made in China' dal valore complessivo di 200 miliardi di dollari, quelli su cui gli Usa hanno già fatto scattare un dazio del 10%, dall'acciaio all'elettronica.

In cambio il leader cinese si è impegnato ad acquistare "immediatamente" dagli Stati Uniti - come sottolinea la Casa Bianca - prodotti agricoli, industriali e nel settore energetico, quelli di fatto colpiti dalle misure di rappresaglia messe in campo da Pechino, con l'obiettivo di ridurre quello squilibrio commerciale da sempre denunciato dal tycoon. Xi ha assicurato inoltre che farà di tutto per sbloccare l'acquisizione di Npx Semiconductors da parte del colosso Usa delle tlc Qualcomm, un'operazione da 44 miliardi di dollari che rischia di saltare per la mancata autorizzazione da parte di Pechino.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.