Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Paul Rechsteiner (foto d'archivio)

Keystone/MARCEL BIERI

(sda-ats)

Paul Rechsteiner lascerà a fine novembre - dopo vent'anni - la presidenza dell'Unione sindacale svizzera (USS). I delegati decideranno la sua successione in occasione del congresso in agenda alla fine di novembre, ha comunicato oggi l'organizzazione.

"È un buon momento per procedere a un cambio generazionale. L'USS va bene: la cooperazione tra federazioni funziona e il segretariato, sotto la direzione di Daniel Lampart, fa un eccellente lavoro", indica Paul Rechsteiner, in un comunicato per motivare la sua decisione.

In occasione della sua elezione alla presidenza nel 1998, e quando le preoccupazioni sociali erano sottoposte a un pressione considerevole, Rechsteiner ha difeso una politica sindacale offensiva, ricorda l'USS. Uno dei grandi successi della sua presidenza è la protezione dei salari attraverso le misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone. Erano le condizioni affinché i sindacati sostenessero gli accordi bilaterali con l'Unione europea (UE), puntualizza l'USS.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS