Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Paul Rechsteiner (foto d'archivio)

Keystone/MARCEL BIERI

(sda-ats)

Paul Rechsteiner lascerà a fine novembre - dopo vent'anni - la presidenza dell'Unione sindacale svizzera (USS). I delegati decideranno la sua successione in occasione del congresso in agenda alla fine di novembre, ha comunicato oggi l'organizzazione.

"È un buon momento per procedere a un cambio generazionale. L'USS va bene: la cooperazione tra federazioni funziona e il segretariato, sotto la direzione di Daniel Lampart, fa un eccellente lavoro", indica Paul Rechsteiner, in un comunicato per motivare la sua decisione.

In occasione della sua elezione alla presidenza nel 1998, e quando le preoccupazioni sociali erano sottoposte a un pressione considerevole, Rechsteiner ha difeso una politica sindacale offensiva, ricorda l'USS. Uno dei grandi successi della sua presidenza è la protezione dei salari attraverso le misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone. Erano le condizioni affinché i sindacati sostenessero gli accordi bilaterali con l'Unione europea (UE), puntualizza l'USS.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS