Pechino, quarantena per chi torna in città

La municipalità di Pechino ha ordinato la quarantena di 14 giorni per chiunque ritorni nella città dopo le vacanze. KEYSTONE/EPA/STRINGER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 febbraio 2020 - 20:46
(Keystone-ATS)

La municipalità di Pechino ha ordinato la quarantena di 14 giorni per chiunque ritorni nella città dopo le vacanze, minacciando punizioni per chi non rispetterà l'isolamento.

Per il periodo di quarantena - prevede l'ordinanza - si potrà scegliere tra la propria abitazione o i centri appositi.

Oggi il presidente cinese Xi Jinping ha affermato che la Cina deve migliorare il sistema di risposta e prevenzione delle epidemie, risolvendo i punti deboli e le criticità emerse col nuovo coronavirus.

"Garantire sicurezza e salute delle persone è un compito importante del nostro partito", ha affermato nella 12esima riunione del Comitato centrale per l'approfondimento delle riforme del Pcc, secondo la tv pubblica Cctv.

Xi ha anche detto che Pechino si adopererà per migliorare l'assicurazione medica e i sistemi di cura delle principali malattie.

Intanto almeno otto delle persone contagiate dal coronavirus a bordo della nave da crociera Diamond Princess, in quarantena nella baia di Yokohama in Giappone, sono "in condizioni serie". Lo ha reso noto il ministero della sanità di Tokyo, secondo quanto riporta la NHK, il servizio pubblico radiotelevisivo giapponese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo