Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - "Si tratta di parole ingiuriose espresse alla presenza del Papa. Per questo Benedetto XVI dovrebbe assumersi le sue responsabilità e chiedere scusa per questa analogia vergognosa". Il rabbino Marvin Hier, del Centro Simon Wiesenthal sintetizza così la la reazione della comunità ebraica americana all'intervento del predicatore della Casa Pontificia, Raniero Cantalamessa che, citando un suo amico ebreo, ha paragonato le accuse al Papa sulla pedofilia all'antisemitismo.
Netto anche il giudizio di Abraham Foxman, il direttore della Anti-Defamation League: "Mi sarei aspettato che un sacerdote così esperto", ha detto riferendosi a Padre Cantalamessa, "avesse una conoscenza un po' più approfondita dell'antisemitismo, invece di fare questo paragone orribile".

SDA-ATS