Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - "Un po' esagerata": così il ministro della Giustizia belga, Stefaan De Clerck, ha giudicato la reazione del segretario di Stato vaticano, Tarcisio Bertone, alle perquisizioni condotte dalla polizia federale, giovedì scorso, nell'arcivescovado di Mechelen-Bruxelles e nella vicina cattedrale.
De Clerck ha comunque cercato di sdrammatizzare la situazione. "Non è il caso di farne un incidente diplomatico, durante la perquisizione - ha detto il ministro - i vescovi sono stati trattati normalmente". Il commento di Bertone "si è basato su elementi non corretti".
Bertone ieri aveva criticato il modo in cui la polizia, nel corso dela perquisizione, avrebbe di fatto "sequestrato" per nove ore i vescovi del Belgio. Oggi sulla vicenda è intervenuto anche papa Benedetto XVI deplorando l'azione condotta dalla magistratura belga.

SDA-ATS