Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Un avvocato americano che difende le vittime di abusi sessuali da parte di preti pedofili ha presentato a un tribunale del Kentucky la richiesta di far testimoniare sulla vicenda l'attuale Papa Benedetto XVI.
L'avvocato William McMurry sostiene che il Vaticano era a conoscenza degli abusi sessuali dei preti, ma che ha "incoraggiato il silenzio per proteggere la reputazione della Chiesa Cattolica".
Secondo il legale, Benedetto XVI era a conoscenza dello scandalo in quanto responsabile per molti anni, come cardinale Joseph Ratzinger, della Congregazione per la Dottrina della Fede, il dipartimento vaticano che riceve questo tipo di denunce.
L'avvocato McMurry, nella sua richiesta al tribunale del Kentucky, ha citato una serie di documenti resi pubblici dal quotidiano "New York Times" che "dimostrerebbero senza possibilità di equivoci il collegamento tra l'allora cardinale Ratzinger e le vicende delle violenze sessuali subite dai minorenni".
"Questi documenti mostrano in modo diretto il coinvolgimento di Ratzinger nella decisione della Santa Sede di mantenere un velo di segretezza sulle nefandezze compiute dal clero negli Stati Uniti".

SDA-ATS