Navigation

Pena morte: Arabia Saudita, uomo decapitato con sciabola

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2011 - 17:48
(Keystone-ATS)

Un saudita, riconosciuto colpevole di omicidio, è stato decapitato oggi con un taglio netto di sciabola a Najrane, nel sud dell'Arabia Saudita. Lo ha annunciato il ministero dell'Interno. Mohamed al-Jawad era stato condannato a morte per avere ucciso un suo connazionale, Ali al-Yami, ha precisato un comunicato dell'agenzia ufficiale Spa.

Quest'ultima decapitazione porta ad almeno 68 il numero delle esecuzioni dall'inizio di gennaio in Arabia Saudita. Lo scorso settembre, Amnesty International aveva chiesto a Riad "una moratoria immediata" delle esecuzioni, affermando che erano riprese a un "ritmo allarmante". L'organizzazione della difesa dei diritti dell'uomo aveva precisato che 140 persone sono ancora in attesa di essere messe a morte.

Secondo Amnesty, in questa monarchia ultra-conservatrice del Golfo le esecuzioni nel 2010 sono state 27. Nel 2009 le autorità avevano annunciato 67 esecuzioni contro le 102 del 2008. Lo stupro, l'omicidio, l'apostasia, il furto a mano armata e il traffico di droga sono reati per i quali è prevista la pena capitale in Arabia Saudita, che applica fedelmente la Sharia, (la legge islamica).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?