Navigation

Pena morte: cittadino cinese impiccato in Giappone

Un cittadino cinese è stato impiccato oggi in Giappone. Nell'immagine la ministra della Giustizia Masako Mori. KEYSTONE/AP/EH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 dicembre 2019 - 13:11
(Keystone-ATS)

Un cittadino cinese condannato a morte per il massacro di una famiglia nel 2003 è stato impiccato oggi in Giappone.

Si tratta della terza esecuzione capitale dell'anno nel Paese - dopo altre due avvenute lo scorso agosto - e la prima autorizzata dalla ministra della Giustizia Masako Mori da quando ha assunto la guida del dicastero, nell'ottobre scorso.

L'agenzia Kyodo, citando il ministero della Giustizia, ha identificato l'impiccato come Wei Wei, di 40 anni. L'uomo era stato condannato perché riconosciuto colpevole di avere massacrato con due connazionali una famiglia di quattro persone - madre, padre e due figli - a Fukuoka, nel sud-ovest del Giappone, dopo essere entrato nella loro casa per compiere una rapina. I tre avevano poi fatto scomparire i corpi delle loro vittime gettandoli nelle acque del porto.

La condanna alla pena capitale per Wei Wei era stata finalizzata nel 2011. In Giappone i condannati alla pena capitale sono informati dell'imminente esecuzione solo nel giorno in cui avviene.

"Ha massacrato un'intera famiglia felice per ragioni egoistiche, è stato un crimine estremamente deplorevole", ha detto la ministra Mori riferendosi a Wei Wei.

In Giappone ci sono un centinaio di detenuti nel braccio della morte. Nel 2018 le esecuzioni furono 15, un numero più elevato rispetto alla media annuale. Tra gli impiccati vi erano 13 ex membri della setta di Aum Shinrikyo, giudicati colpevoli per un attacco al gas Sarin nella metropolitana di Tokyo nel 1995 che provocò 13 morti e 5.800 intossicati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.