Navigation

Pena morte: Usa, studio, esecuzioni in calo, colpa prezzo veleno

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 dicembre 2010 - 09:59
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Negli Stati Uniti è in calo il numero delle esecuzioni capitali, e questo è dovuto in parte all'elevato prezzo dei veleni usati nell'iniezione letale, che si fa sentire in tempo di crisi economica: è quanto conclude il rapporto annuale dell'Ong Death Penalty Information Center (Dpic).
Lo studio rileva che nel 2010 il numero delle esecuzioni è calato del 12% rispetto all'anno precedente, la percentuale più bassa da quando la pena capitale è stata reintrodotta negli Stati Uniti nel 1976.
"Che sia dovuto alla preoccupazione per l'alto costo della pena di morte in tempo di tagli di bilancio, al rischio di mettere a morte degli innocenti, alla sua ingiustizia o ad altre ragioni, nel 2010 la nazione ha continuato ad allontanarsi dalla pena capitale", ha detto Richard Dieter, direttore del centro e autore del rapporto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?