Navigation

Penalizzazione matrimonio: commissione vuole rinvio a governo

La Commissione dell'economia e dei tributi del Nazionale vuole che la penalizzazione del matrimonio venga eliminata, ma non è convinta del progetto del governo. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 ottobre 2019 - 17:26
(Keystone-ATS)

La Commissione dell'economia e dei tributi del Nazionale è unanime nel ritenere che la "penalizzazione del matrimonio" debba essere eliminata.

Secondo una risicata maggioranza (13 voti contro 12), il progetto del governo non tiene però conto dell'evoluzione della società e va pertanto rispedito al mittente, come proposto dagli Stati.

Secondo la maggioranza il testo tende a cristallizzare il sistema in vigore. Si dovrebbe invece instaurare la parità di trattamento dei contribuenti indipendentemente dal loro stato civile.

A tal fine non basta eliminare la "penalizzazione del matrimonio", ma bisogna anche istituire un regime fiscale complessivamente equo, si legge in un comunicato odierno dei Servizi del Parlamento. Proprio per questo la maggioranza sostiene la proposta di rinvio del progetto, che consentirà di esaminare modelli alternativi.

Secondo la minoranza, invece, anziché limitarsi a rinviare il progetto bisognerebbe invece cercare di risolvere attivamente l'annoso problema. Al posto del rinvio, ci vorrebbe quindi una discussione sul progetto al Consiglio degli Stati, con eventuali modifiche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.