Navigation

Pene pecuniarie: tasso di recidiva non cambia

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 novembre 2011 - 15:39
(Keystone-ATS)

Il tasso di recidiva non ha subito sostanziali cambiamenti con l'arrivo delle sanzioni meno severe, in particolare le pene pecuniarie, previste dal Codice penale elvetico nel 2007. Come in precedenza, tra le persone condannate per un delitto, quasi una su cinque commette un'infrazione nell'anno che segue. Lo ha reso noto oggi l'Ufficio federale di statistica (UST).

La revisione del codice penale nel 2007 ha portato all'introduzione di nuove sanzioni: l'obiettivo principale era di evitare le brevi pene detentive e di sostituirle con pene pecuniarie o lavoro d'interesse generale. Ciò riguarda soprattutto i delitti di media o leggera entità, come infrazioni stradali o furti.

Visto che molti hanno messo in dubbio l'effetto dissuasivo delle nuove sanzioni, l'UST ha esaminato il tasso di recidiva nel 2005 e 2008, vale a dire prima e dopo l'introduzione del nuovo diritto.

"I dati (..) non permettono di evidenziare differenze statistiche significative da poter concludere che il nuovo diritto delle sanzioni abbia ridotto l'effetto preventivo delle pene", si legge nel rapporto dell'UST.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?