Navigation

Pensionato di Bienne: fuga non era stata preparata

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2010 - 17:43
(Keystone-ATS)

BIENNE - Il pensionato di Bienne - salito agli onori della cronaca a inizio settembre per aver tenuto in scacco le forze speciali della polizia bernese per ben nove giorni - afferma che la sua spettacolare fuga non era stata preparata e che nessuno lo ha aiutato. Lo ha detto lui stesso in una lettera inviata dal carcere al quotidiano "Bieler Tagblatt".
"Avevo una possibilità su cento di uscire vivo dalla casa circondata dalla polizia", si legge nella lettera pubblicata sul sito internet del giornale. Peter K. afferma inoltre di essere contento di essere ancora in vita.
La lettera è stata scritta dal pensionato di proprio pugno, rispondendo a domande poste dal giornale, ha detto all'ATS la giornalista del "Bieler Tagblatt" Brigitte Jeckelmann. Maggiori dettagli saranno pubblicati domani sull'edizione cartacea del giornale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.