Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scene di guerra a Mosul

KEYSTONE/AP/FELIPE DANA

(sda-ats)

Una inchiesta del Pentagono ha concluso che sono oltre 100 i civili rimasti uccisi in seguito ad una bomba sganciata in un raid aereo Usa su un edificio di Mosul, in Iraq, a marzo.

Stando alla ricostruzione della Difesa americana, la bomba ha provocato una serie di esplosioni secondarie di ordigni piazzati clandestinamente da miliziani dell'Isis, e sono state queste esplosioni a provocare il crollo dell'edificio.

In particolare 101 civili sono rimasti uccisi all'interno dell'edificio e altri quattro nelle vicinanze, stando a quanto riferito da Matthew Isler della Air Force americana che guida l'inchiesta.

Con tutta probabilità si tratta dell'episodio che ha provocato il maggior numero di morti di civili dall'inizio nel 2014 della campagna aerea degli Usa contro l'Isis.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS