Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Troppa gente sul sito archeologico, il governo corre ai ripari.

Keystone/AP/MARTIN MEJIA

(sda-ats)

Nel tentativo di proteggere Machu Picchu, l'attrazione più popolare del Perù, il governo del Paese ha varato alcune misure per combattere la sovrappopolazione dell'area dovuta alle visite e il conseguente degrado del sito Inca.

Lo riporta il sito d'informazioni Infobae. A partire dal prossimo luglio, i visitatori non potranno restare nell'area tutto il giorno ma dovranno scegliere due finestre di accesso: dalle 6 alle 12 o dalle 12 alle 17.30. Se si desidera visitare il sito tutto il giorno, bisognerà comprare un biglietto per entrambi periodo, con un costo di 70 dollari ciascuno.

Secondo le nuove regole, i turisti dovranno essere accompagnati da una guida certificata, i gruppi non potranno essere formati da più di 16 persone contemporaneamente e dovranno essere seguiti i tre circuiti di visita previsti, senza poter uscire dal percorso. I visitatori non potranno entrare con ombrelli o borse più grandi delle misure 33x20 centimetri, carrozzine o bastoni salvo esigenze particolari, treppiedi o scarpe con tacchi.

"Machu Picchu è una grande attrazione, ma siamo preoccupati per la sua sostenibilità", ha dichiarato Sandra Doig, vice direttrice di PromPeru, la commissione per la promozione del turismo in Perù.

L'area viene danneggiata "perché ci sono troppe persone contemporaneamente", ha sottolineato. Le nuove regole non saranno fisse. Nei prossimi mesi, i funzionari "valuteranno i risultati e miglioreranno il sistema a poco a poco", ha spiegato Doig.

Il numero di turisti che hanno visitato il sito Inca di Machu Picchu è aumentato nel corso degli anni. Tra gennaio e luglio del 2017, circa 610 mila persone hanno visitato Machu Picchu, tra le quali circa 242 mila provenienti dagli Stati Uniti, con un aumento del 3% rispetto al 2016.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS