Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri francese, Laurent Fabius, ha parlato stamane di "apertura" nella posizione della Russia nella lotta contro il sedicente Stato islamico (IS), di cui ha cominciato a bombardare le posizioni come fa la Francia.

"C'è un'apertura, se così si può dire - ha dichiarato Fabius ai microfoni di France Inter - dei russi, noi pensiamo sia sincera e bisogna unire tutte le nostre forze" contro l'IS.

"Quando il presidente (Vladimir) Putin - ha continuato il capo del Quai d'Orsay - ha fatto la proposta di una grande coalizione (per agire in Siria), era inizio settembre. Noi avevamo detto, il presidente François Hollande e io, spetta all'Onu. Il che era una buona idea, a condizione che la Russia si concentri contro l'IS e non contro gli islamici moderati. E sembra che su questo ci sia un'evoluzione".

"Lo verificheremo giovedì - ha aggiunto - perché andremo a incontrare il presidente Putin. Se sarà così, sarebbe una buona cosa, perché bisogna unire tutte le nostre forze contro l'IS".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS