Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

INNSBRUCK - Ricercatori provenienti da Austria, Italia, Francia, Germania e Svizzera vogliono realizzare per la prima volta una mappa del permafrost che riguardi l'intero arco alpino. Questo progetto migliorerebbe i giudizi su eventuali pericoli naturali.
Gli studiosi hanno presentato l'iniziativa oggi all'Università di Innsbruck (Austria). Al momento per il permafrost sull'arco alpino esistono solo mappe nazionali specifiche, non comparabili o combinabili fra loro, ha indicato Jeannette Nötzli, dell'Istituto geografico dell'Università di Zurigo.
Il permafrost è terreno che rimane ghiacciato durante tutto l'anno. In altitudine esistono zone di questo tipo profonde diverse centinaia di metri e, secondo i ricercatori, la conoscenza di queste aree è importante sopratutto per le infrastrutture turistiche.
Una mappatura delle zone ghiacciate potrebbe ad esempio essere utilizzata nella manutenzione e costruzione di sentieri, rifugi, funicolari e altri impianti di alta montagna. Le frane sono una possibile conseguenza dell'apparizione di nuove zone di permafrost, che in futuro potranno essere previste grazie a simulazioni computerizzate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS