Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sempre più persone di Paesi terzi si fanno passare per cittadini dell'Unione europea per ottenere un permesso di dimora in Svizzera

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Sempre più persone di paesi terzi cercano di ottenere permessi di dimora in Svizzera facendosi passare per cittadini dell'Unione europea grazie a falsi documenti.

Un progetto pilota condotto nella città di Berna ha dimostrato che il 10% delle richieste sono correlate da documenti contraffatti.

"Abbiamo esaminato 850 richieste di permessi di dimora. Circa il 10% comportava documenti di identità, contratti di lavoro o di affitto falsi oppure veri ma rubati", ha spiegato Alexander Ott, responsabile del Controllo abitanti della città federale alla "NZZ am Sonntag". In generale i richiedenti sono cittadini di paesi terzi che hanno bisogno di un visto per entrare in Svizzera o per soggiornarvi oltre i 90 giorni, come kosovari, albanesi, serbi, turchi, russi, cinesi e brasiliani.

Il caso di Berna non è unico, altri responsabili cantonali e comunali confermano questa tendenza. A Lucerna sono stati scoperti molti passaporti sloveni falsi, ha detto Walter Haas, dell'ufficio cantonale competente. Altri segnalano casi di brasiliani che tentano di ottenere permessi con falsi documenti portoghesi o di turchi e albanesi che presentano passaporti italiani contraffatti.

Lottare contro questi abusi è però complicato. "A causa dei progressi tecnici dei falsari diventa sempre più difficile riconoscere i falsi passaporti", afferma Natalie Riem, del dipartimento cantonale della sicurezza di Ginevra.

La Confederazione, nell'ambito del programma "Gestione integrata dei confini" che si prefigge di combattere la migrazione illegale e la criminalità transfrontaliera, ha organizzato giornate informative in diversi cantoni per sensibilizzare il personale interessato. "Lo scopo è di permettere agli uffici comunali e cantonali di combattere gli abusi grazie a conoscenze e mezzi tecnici", spiega Ott. Fra questi anche speciali apparecchiature capaci di individuare i falsi documenti chiamati eDocs-readers.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS