Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non c'è tregua per il settore alberghiero elvetico, confrontato con una situazione sempre difficile: in luglio sono state registrate in Svizzera 3,8 milioni di notti, il 7,2% in meno dello stesso periodo del 2011. Ancora più sensibili sono i cali segnati dal Ticino (-9,8% a 350'100) e dai Grigioni (-8,4% a 559'800).

Stando ai dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST), a pesare sul risultato nazionale è stata in particolare la flessione degli ospiti stranieri (-8,8% a 2,2 milioni). Anche quelli svizzeri si sono fatti però più scarsi (-5,0% a 1,7 milioni).

Disertano la Confederazione in particolare i tedeschi (-14%), che con -73'000 pernottamenti segnano l'arretramento più marcato in termini assoluti. Seguono Olanda (-29'000, -21%), Regno Unito (-25'000, -14%), Francia (-23'000, -16%) e Belgio (-15'000, -16%). Scende anche l'Italia (-5,2%), mentre in controtendenza è la Russia (+8000, +20%).

Anche il continente asiatico mostra una diminuzione nel suo insieme (-3%), con una perdita massiccia per quanto riguarda i paesi del Golfo (-38'000, -26%) e più contenuta in relazione all'India (-2400, -4,3%). Non accenna per contro ad indebolirsi la crescita della Cina (+21'000, +27%), ma anche dal Giappone giungono segnali positivi (+10'000, +8,5%). Sull'altro lato del Pacifico gli Stati Uniti sono invece in linea con la tendenza generale (-6500, -3,1%).

A soffrire della situazione globale sono state tutte le regioni elvetiche. Se come detto Grigioni e Ticino piangono, non ridono nemmeno Lucerna (-8%), Oberland Bernese (-9%), Ginevra (-10%) e soprattutto Vaud (-17%). La delusione è invece minore in Vallese (-2%) e nella Svizzera orientale (-3%).

L'UST pubblica anche i dati cumulati per il periodo gennaio-luglio. Il quadro complessivo non cambia: rispetto allo stesso periodo del 2011 i pernottamenti sono scesi del 4,4%. In termini assoluti mancano quindi 940'000 notti, 812'000 a causa degli stranieri (-6,6%), 128'000 per assenza degli svizzeri (-1,4%).

Ticino e Grigioni ne escono con le ossa rotte: rispettivamente -7,8% (pari a 108'352 notti in meno) e pure -7,8% (-272'725). Ampliando il confronto ai corrispondenti dati del 2010, questo significa che in due anni in Ticino si è scesi da 1,43 a 1,29 milioni di pernottamenti. Nei Grigioni i valori assoluti sono ancora più inquietanti: l'arretramento è stato da 3,76 a 3,23 milioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS