Navigation

Pernottamenti: settembre nero per alberghi, forte calo in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2011 - 09:51
(Keystone-ATS)

Momento difficile per il turismo elvetico, complice l'indebolimento dell'euro: in settembre il settore alberghiero ha registrato 3,3 milioni di pernottamenti, il 3,9% in meno (-135'000) rispetto allo stesso mese del 2010. A livello regionale le flessioni più forti si registrano in Ticino (-9,3% a 266'982 notti) e nei Grigioni (-8,5% a 430'000 notti).

A pesare sul dato svizzero complessivo è stato in particolare la flessione dei visitatori stranieri (-6,8% a 1,8 milioni, pari a un calo secco di 129'000 unità), mentre per gli ospiti indigeni la contrazione è stata dello 0,3% a 1,6 milioni di notti (-5100).

La perdita cumulata da gennaio a settembre ha raggiunto il 2% (-578'000 a 28,7 milioni), con una diminuzione del 3,3% per le persone provenienti da oltre confine. Il rosso su nove mesi è del 5,1% per il Ticino (-107'000 a 1,99 milioni) e del 7,0% per i Grigioni (-346'000 a 4,56 milioni)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?