Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Pernottamenti in calo in Svizzera nel primo semestre, quasi stabili in Ticino (foto d'archivio).

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Turismo in calo in Svizzera nel primo semestre: il settore alberghiero ha registrato 16,8 milioni di pernottamenti, con una flessione dell'1,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

La contrazione è dovuta agli ospiti stranieri (2,5%), mentre ha tenuto la domanda indigena (+0,5%)

Stando ai dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST) a livello regionale il Ticino segna un leggero passo indietro (-0,1% a 916'190 notti, pari a un regresso di 678 notti), assai inferiore a quello della prima parte del 2015 (-5,2%).

Si confermano quest'anno in forte difficoltà le regioni di montagna quali Grigioni (-4,5%), Vallese (-3,7%) e Oberland bernese (-3,6%), mentre in contro tendenza sono città come Ginevra (+0,2%) e soprattutto Zurigo (+1,6%).

Se gli svizzeri hanno risposto "presente" (7,7 milioni di notti, +36'000), a mancare nelle principali regioni turistiche sono stati gli stranieri: le 9,1 milioni di notti registrate sono 234'000 in meno che nei primi sei mesi del 2015. La Germania registra il maggiore calo di tutti i Paesi di provenienza in termini assoluti, con una flessione di 136'000 notti (-6,8%).

Arretramenti notevoli concernono anche la Russia (-37'000, -17%), il Belgio (-22'000, -7,4%), i Paesi Bassi (-19'000, -6,4%) e la Francia (-11'000, -1,7%). Buone nuove giungono per contro dal Regno Unito (+28'000, +3,3%) e dagli Usa (+44'000, +5,6%).

Mantenendo lo sguardo fuori dall'Europa, la Cina accusa un calo di 80'000 pernottamenti (-14%), l'India di 12'000 (-3,4%) e il Brasile di 23'000 (-18%). Sul fronte opposto, Corea del Sud (+9500; +6,8%) e i Paesi del Golfo (+8200; +3,6%) presentano una progressione.

L'UST ha pubblicato anche i dati relativi al solo mese di giugno. Sono state registrate 3,1 milioni di notti, con una contrazione su base annua del 3,2% che gli specialisti dell'ufficio di statistica spiegano con la meteo piovosa. L'effetto è stato infatti immediato sulla domanda della clientela indigena (-3,3% a 1,3 milioni), che presenta un arretramento analogo a quella straniera (-3,2% a 1,8 milioni). A questo proposito importanti sono stati i cali dei Paesi del Golfo (-50%), Cina (-19%), India (-10%) e Germania (-6,5%). Sono per contro aumentati gli ospiti provenienti da Stati Uniti (+7,9%) e Corea del Sud (+21%).

Nove regioni su quattordici hanno registrato delle diminuzioni rispetto a giugno 2015. Il Ticino mostra un calo dell'1,7% (a 235'344 notti), ma ancora peggio è andata alla zona di Lucerna (-5,9%), all'Oberland bernese (-6,6%), ai Grigioni (-8,4%) e al Vallese (-10%). Aumenti sono stati per contro osservati a Ginevra (+0,4%), Vaud (+1,9%) e Berna (+4,2%).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS