Navigation

Peter Spuhler contrario a un programma congiunturale

Peter Spuhler, proprietario della Stadler Rail ed ex consigliere nazionale UDC a KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 aprile 2020 - 08:31
(Keystone-ATS)

L'imprenditore ed ex consigliere nazionale dell'UDC Peter Spuhler ha criticato le misure governative a sostegno dell'economia. "Non sono assolutamente un fan dei pacchetti di stimolo economico", ha detto in un'intervista al giornale "SonntagsBlick".

"È quasi impossibile che le misure del governo finiscano nel posto giusto ed entrino in vigore al momento giusto", ha spiegato Spuhler. Durante le recenti crisi dell'euro e finanziaria era portavoce del gruppo parlamentare dell'UDC e si è occupato in dettaglio degli strumenti e dei loro effetti, ha sottolineato.

In ogni caso, la domanda in Svizzera dipende spesso dall'estero e non può essere influenzata, ha detto Spuhler al "SonntagsBlick". In tempi di crisi, le indennità di lavoro ridotto si sono dimostrate uno strumento valido in Svizzera. Il governo dovrebbe anche garantire che le PMI abbiano sufficiente liquidità. In questo ambito il Consiglio federale ha fatto un "super lavoro", ha sottolineato.

La sua azienda, la Stadler Rail, ha superato la crisi relativamente bene, ha spiegato. "Finora non abbiamo dovuto chiedere il sostegno dello Stato. Gli ordinativi ci sono e gli impianti stanno lavorando a un livello ragionevole di capacità". Fanno eccezione la Spagna e gli Stati Uniti: "A Valencia abbiamo dovuto chiudere temporaneamente il nostro stabilimento di produzione per ordine del governo. A Salt Lake City abbiamo dovuto ridurre la forza lavoro di due terzi per ordine del governo".

Attualmente gli sforzi sono concentrati anche a mantenere attive le catene di fornitura. "Un'interruzione significherebbe non poter completare i nostri treni", ha concluso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.