Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli Emirati arabi uniti (Eau) danno il loro sostegno all'iniziativa per congelare agli attuali livelli la produzione di petrolio, come convenuto tra Arabia Saudita, Russia, Qatar e Venezuela.

Lo ha detto oggi il ministro dell'Energia emiratino, Suhail bin Mohammed Faraj Faris Al Mazrui, citato dall'agenzia nazionale Wam.

"Riteniamo che congelare i livelli di produzione da parte dei membri dell'Opec e della Russia avrà un impatto positivo sull'equilibrio della futura domanda", ha detto il ministro in una dichiarazione diffusa dall'agenzia.

"La politica petrolifera degli Eau - ha aggiunto - è sempre aperta alla cooperazione con tutti al fine di servire i superiori interessi dei produttori e l'equilibro del mercato".

La decisione di Russia, Arabia Saudita, Qatar e Venezuela di congelare la produzione ai livelli di gennaio è subordinata all'accettazione anche da parte degli altri maggiori produttori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS