Navigation

Petrolio perde il 33%, scende sotto i minimi del 1991

Il prezzo del petrolio è in caduta libera. KEYSTONE/AP Odessa American/JACOB FORD sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2020 - 07:17
(Keystone-ATS)

Il petrolio crolla sui mercati asiatici: al Nymex il barile è finito a 27,61 dollari, scontando una perdita del 33,12%, superando addirittura i minimi registrati nel 1991. Il Brent sta cedendo quasi un terzo del suo valore: -30,31%, a 31,55 dollari.

Intanto l'oro è in volata con la corsa ai beni rifugio. Le quotazioni del metallo prezioso salgono a 1700 dollari l'oncia, ai massimi dal 2012.

Le borse asiatiche presentano cali importanti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.