Navigation

Pev adotta raccomandazioni voto per 5 giugno, sì solo a legge asilo

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2016 - 16:50
(Keystone-ATS)

L'assemblea dei delegati del Partito evangelico svizzero (Pev), riunita oggi a Buchs (AG), raccomanda di votare "sì" alla modifica della legge sull'asilo, sottoposta al giudizio popolare il 5 giugno prossimo. No, invece, a tutte le altre proposte.

Il Pev appoggia la riforma della legge sull'asilo perché consente di accelerare le procedure rispettando nel contempo lo stato di diritto, afferma la sua presidente Marianne Streiff citata in una nota. I delegati hanno seguito senza voti contrari la consigliera nazionale bernese e l'hanno riconfermata per altri quattro anni.

Per contro il partito si oppone all'iniziativa popolare "Per un reddito di base incondizionato", giudicando che "uccida la motivazione" a lavorare. No anche all'iniziativa "A favore del servizio pubblico", che secondo i delegati porterebbe a un deterioramento dello stesso.

Stessa sorte per l'iniziativa popolare "Per un equo finanziamento dei trasporti", detta anche della "vacca da mungere". Secondo il Pev bisogna dare la priorità ai trasporti pubblici, perché consentono di minimizzare l'impatto ambientale della mobilità e offrono una grande efficacia energetica.

Senza opposizione i delegati hanno infine respinto la modifica della legge sulla procreazione assistita, contro la quale il Pev ha lanciato il referendum.

L'articolo costituzionale sulla diagnosi preimpianto è stato accolto dal 61,9% dei votanti e da 20 Cantoni il 14 giugno 2015. Esso consente ai medici di esaminare gli embrioni prima di impiantarli nell'utero per verificare l'eventualità della trasmissione di malattie o handicap gravi. Il parlamento ha elaborato una legge di applicazione che vieta esplicitamente la possibilità di influenzare la scelta del sesso o di altre caratteristiche dell'eventuale nascituro. Il Pev e i difensori degli handicappati temono tuttavia l'applicazione senza riserve della diagnosi e la selezione degli embrioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.