Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Partito evangelico svizzero (PEV) è favorevole alla strategia energetica 2050: con 78 voti contro 2 i delegati riuniti oggi in assemblea a Lucerna hanno raccomandato di dire sì al referendum sulla legge federale sull'energia in votazione il prossimo 21 maggio.

Anche se non tutti gli elementi del primo pacchetto di misure sottoposto al voto popolare sono soddisfacenti, i delegati hanno deciso di seguire la consigliera nazionale Maja Ingold (ZH), secondo cui esso compie alcuni passi importanti in vista di una prima tappa della svolta energetica della Svizzera.

A due anni dal centenario della creazione del partito e dalle elezioni federali, i delegati hanno anche accolto ad ampia maggioranza una revisione degli statuti per rendere più snelle le strutture e per incoraggiare la partecipazione attiva di tutti i membri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS