Navigation

Philip Morris e Altria mettono fine a trattative nozze

I due colossi del tabacco si erano separati nel 2008. Keystone/EPA/ALTRIA / CASEY TEMPLETON HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2019 - 14:31
(Keystone-ATS)

Philip Morris e Altria mettono fine alle trattative per una loro fusione, facendo tramontare il "sogno" di una riunione dei due colossi del tabacco.

Philip Morris e Altria hanno trattato una possibile fusione per mesi, ma nelle ultime settimane Philip Morris si sarebbe convinta della necessità di fare un passo indietro in seguito alla stretta delle autorità americane sulle sigarette elettroniche. Altria controlla il 35% di Juul, la start up ritenuta responsabile dell'epidemia di vaping negli Stati Uniti.

Philip Morris e Altria avevano annunciato trattative per una fusione fra pari in agosto, una fusione con la quale convolare nuovamente a nozze undici anni dopo il loro divorzio. Dall'unione sarebbe nato un gigante delle sigarette da 210 miliardi di dollari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.