Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'iniziativa sull'immigrazione di massa potrebbe paradossalmente accentuare la scarsità di alloggi in un mercato degli affitti già sotto pressione a causa dell'aumento della popolazione: lo afferma Andreas Bleisch, partner presso la società di consulenza Wüest & Partner, in una videointervista pubblicata oggi da "NZZ online".

Secondo l'esperto è innegabile che l'arrivo in forze di stranieri abbia un impatto sulla domanda: se la popolazione aumenta vi è giocoforza la necessità di più abitazioni. Inoltre gli inquilini hanno oggi la tendenza ad avere a disposizione superfici più grandi.

Per Bleisch il voto del 9 febbraio avrà un impatto sul mercato, ma molto dipenderà dalla sua applicazione. Se porterà a un effettivo calo degli afflussi genererà effettivamente un calo della domanda, ma se l'attuazione sarà moderata e nella sostanza poco cambierà l'effetto potrebbe essere diverso e causare a un aumento della penuria di alloggi.

Questo perché alla luce delle incertezze provocate dall'iniziativa il settore della costruzione ha già reagito. "Quello che vediamo attraverso gli indicatori temporanei è che le domande e i permessi di costruzione stanno calando", spiega lo specialista. Ciò significa in futuro arriveranno meno appartamenti nuovi sul mercato.

Sembra intanto sicuro che continuerà il trend riscontrato negli ultimi anni, che verte sua una diminuzione delle abitazioni a pigione moderata e a una crescita di quelle più care. Questo perché quelli offerti sono perlopiù in immobili nuovi, mentre gli appartamenti a buon prezzo non arrivano sul mercato, fra l'altro perché chi li occupa tende a non abbandonarli anche quando le condizioni di vita cambiano.

Nel segmento degli appartamenti più cari si ravvisa però nel frattempo una certa tendenza allo stallo: gli alloggi rimangono più a lungo in cerca di un nuovo locatario. Da una parte vi è la forte concorrenza del mercato delle case in proprietà, complici i bassi tassi d'interesse, dall'altra l'offerta è ampia: i costruttori si sono infatti concentrati su questo comparto, più redditizio, spiega Bleisch.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS