Navigation

PIL: andamento cantonale eterogeneo nel 2017, Ticino in ribasso

Nel 2017 il Ticino è stato confrontato a un decremento in diversi settori di attività chiave della sua economia, tra cui i servizi finanziari. Keystone/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2019 - 10:32
(Keystone-ATS)

Nel 2017 il PIL svizzero ha segnato una progressione dell'1,8% ai prezzi dell'anno precedente. Le economie cantonali hanno presentato un'evoluzione vicina alla media nazionale, ma con alcune eccezioni, tra cui il Ticino che mostra un contrazione del 2,4%.

La diversità constatata nei Cantoni riflette l'eterogeneità delle strutture economiche: alcuni sono infatti orientati essenzialmente verso il settore secondario, mentre altri più verso i servizi, ricorda l'Ufficio federale di statistica (UST) in un comunicato odierno.

Il Ticino è stato confrontato a un decremento in diversi settori di attività chiave della sua economia (servizi finanziari, industria e costruzioni), fatto che si riflette nell'andamento negativo del prodotto interno lordo e dell'occupazione.

Anche i Grigioni hanno registrato un lieve calo del PIL (-0,4%) come conseguenza di un rallentamento nel settore delle attività non finanziarie (industria, attività di servizi e di assistenza alle imprese, altre attività di servizi ecc.) e in quello dei servizi finanziari.

In flessione pure il canton Vaud, che dopo una forte crescita nel 2016 (+7,3%), nel 2017 ha visto contrarre il suo PIL del 4,2% a causa del contraccolpo dei risultati economici eccezionali delle organizzazioni sportive internazionali l'anno precedente.

Marcata progressione invece per Basilea Città (+7,0%), che ha beneficiato della forte crescita dell'industria manifatturiera. Nel Cantone di Nidvaldo tutti i settori hanno contribuito all'aumento del 4,1%, mentre Basilea Campagna (+3,5%) e Zurigo (+3,7%) hanno registrato un netto incremento dei servizi non finanziari. Bene anche Ginevra (+3,2%) e Vallese (+3,0%).

Con un contributo alla crescita nazionale di 0,8 punti percentuali, anche nel 2017 Zurigo è stato il motore dell'economia svizzera. Seguono Basilea Città e Ginevra, con un contributo di rispettivamente 0,4 e 0,2 punti. Vaud ha invece pesato per 0,4 punti e il Ticino per 0,1 punti, mentre l'evoluzione del PIL retico non ha influito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.