Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La domanda estera di prodotti svizzeri è aumentata ulteriormente. All'inizio del quarto trimestre, le Pmi orientate all'esportazione sono tuttavia meno ottimiste rispetto a tre mesi prima. Comunque tutti i rami si attendono un incremento delle forniture internazionali grazie alla ripresa della congiuntura.

È quanto emerge dagli indicatori export delle Pmi di Credit Suisse e di Switzerland Global Enterprise (ex Osec). Il barometro della banca, che misura la domanda estera di prodotti elvetici, si è attestato a quota 1,03, contro 0,62 dell'inizio del terzo trimestre.

Le previsioni sull'export per la prima volta da fine 2011 sono superiori alla crescita media di lungo termine, fissata a 1, si legge in una nota congiunta diffusa oggi.

L'indice delle prospettive di export delle Pmi di Switzerland Global Enterprise segnala che la domanda estera è sì più forte, ma non si è estesa completamente a tale gruppo di aziende: tale indice è sceso a 59,3 punti a inizio ottobre, contro 63,4 a inizio giugno.

Il 37% delle Pmi intervistate si aspetta per il trimestre appena cominciato una crescita delle esportazioni, il 47% pronostica una stagnazione e il 16% teme invece un calo.

Tale barometro si basa sulle attese per il quarto trimestre e sulle vendite realizzate nel terzo trimestre. La flessione riflette il fatto che le piccole e medie imprese non hanno ancora approfittato interamente del miglioramento della domanda estera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS