Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - L'attività manifatturiera e dei servizi di Eurolandia ha segnato il rialzo più forte dall'agosto 2007, trainata dalla ripresa dell'export grazie all'euro debole. E la manifattura, in particolare, sta crescendo al tasso più forte degli ultimi 10 anni. È quanto emerge dagli indicatori dei direttori degli acquisti (Pmi) elaborati da Markit Economics per Reuters.
I dati indicano un rialzo dell'indice 'Pmi' complessivo al 57,3 dal 55,9 di marzo. L'indice dei servizi, che fanno da soli il 60% dell'economia Ue, è salito a 55,5 ad aprile da 54,1 di marzo, mantenendosi saldamente sopra la soglia di 50 che separa la contrazione dell'attività dall'espansione. L'indice relativo al solo comparto manifatturiero, invece, è salito a 57,5 da 56,6.
Secondo il Financial Times, dopo il primo trimestre deludente anche a causa dell'inverno rigido che ha causato la contrazione dell'economia tedesca, i dati Pmi indicano un probabile rimbalzo del Pil dei Sedici nel secondo trimestre che potrebbe superare lo 0,4%: "le aziende manifatturiere - ha spiegato il capo economista di Markit Economics Chris Williamson - stanno mostrando la migliore performance degli ultimi 10 anni".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS