Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Elezioni anticipate più vicine in Spagna dopo il no di Podemos (sinistra anti austerità) all'accordo con i socialisti e Ciudadanos (centrodestra).

La base del partito postindignados ha infatti respinto a larghissima maggioranza l'ipotesi di un accordo con i partiti guidati da Pedro Sanchez e Albert Rivera, ma ha riproposto l'idea di un governo del cambiamento con una coalizione "alla Valenciana". Dunque stando a quanto scrive El Pais on line il ritorno alle urne a giugno appare a questo punto difficilissimo da evitare.

L'ipotesi di accordo non è piaciuta all'88,23% dei partecipanti alla consultazione interna, alla quale hanno partecipato circa 150'000 persone, quasi il 40% degli aventi diritto. Tuttavia nel secondo quesito il 91,79% dei votanti ha invece appoggiato un'ipotesi di accordo con i socialisti del Psoe di Sanchez, IU-Unitado Popular (comunisti) e Compromis (nazionalisti valenciani).

I socialisti da parte loro hanno fatto sapere - riferisce El Mundo - che non si arrenderanno, ma non faranno nulla per cercare un accordo dell'ultimo minuto, né con Podemos né con i popolari, né tanto meno abbandoneranno il patto con i centristi di Ciudadanos per negoziare con i postindignados. Lo ha confermato il coordinatore del partito Antonio Hernando, aggiungendo che se nella consultazione di Podemos fosse stato chiesto ai suoi militanti se volevano che il premier Mariano Rajoy continuasse a guidare il governo, "il 100% avrebbero detto di 'no'".

E adesso la parola passa di nuovo a re Felipe VI, che oggi stesso ha avviato una serie di consultazioni con i partiti politici, prima di chiudere verosimilmente la legislatura. Se dunque non ci sarà un accordo di governo entro il 2 maggio - cosa virtualmente impossibile a meno di colpi di scena finali - si voterà di nuovo il 26 giugno.

Le ultime elezioni politiche si erano svolte il 20 dicembre scorso, rompendo di fatto decenni di bipartitismo, ed innescando una crisi politica. Uno stallo politico senza precedenti concretizzatosi a gennaio quando il premier uscente, Mariano Rajoy, aveva rinunciato al tentativo di formare un nuovo governo in mancanza del necessario sostegno parlamentare. Un mese dopo Sanchez e il leader di Ciudadanos avevano stretto una sorta di patto che aveva spinto Podemos a rompere le trattative con i socialisti. Il risultato era stata la bocciatura della candidatura a premier di Sanchez da parte del Congresso dei deputati dopo che Podemos aveva votato con il Partito polare (Pp) di Rajoy. E adesso i giochi sono tutti aperti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS