Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Offensivo verso le donne", "sessista", "maschilista": sono alcune delle accuse che piovono sul consigliere federale Ueli Maurer dopo una battuta da lui pronunciata durante una manifestazione in favore dell'acquisto dei Gripen sabato a Zugo. In quell'occasione il ministro della difesa aveva paragonato le donne a vecchi articoli per la casa.

Riferendo dell'evento organizzato da un comitato pro Gripen, il periodico online svizzerotedesco "zentral+" ha sottolineato come Maurer avrebbe comparato l'importanza di acquistare gli aerei da combattimento con la necessità di effettuare un inventario degli utensili da cucina.

"Quanti oggetti vecchi di 30 anni avete ancora in cucina?", ha chiesto il consigliere federale al pubblico presente. E la sua risposta: "Da noi non molti, ad eccezione naturalmente della donna che si occupa delle faccende domestiche".

In sala era presente il responsabile del comitato favorevole all'acquisto dei Gripen, Willi Vollenweider, che ha confermato oggi all'ats le dichiarazioni di Maurer. Vollenweider ha detto che il pubblico ha interpretato le esternazioni del ministro della difesa come una barzelletta. A suo avviso, è grottesco definire "misogina" questa battuta e "gli oppositori ai Gripen sono semplicemente a corto di argomenti".

"Un po' di umorismo deve essere concesso anche a un politico", ha aggiunto Vollenweider, che è peraltro consigliere comunale UDC a Zugo.

Giovani Verdi esigono delle scuse

Dal canto loro, i Giovani Verdi si sono detti indignati per le dichiarazioni "sessiste" e "inaccettabili" di Maurer ed esigono che il ministro della difesa "si scusi pubblicamente". Su Twitter l'ex consigliere nazionale ecologista Jo Lang si è espresso in questi termini: "se Ueli Maurer ha davvero pronunciato quella frase, non è più degno di essere consigliere federale".

Anche altri utenti dei social network hanno chiesto al ministro della difesa di scusarsi o di dimettersi. Taluni hanno invece reagito con senso dell'umorismo e hanno invitato i cittadini a recapitare al consigliere federale i loro vecchi apparecchi elettrodomestici.

Il prossimo 18 maggio il popolo si pronuncerà sulla Legge federale concernente il fondo per l'acquisto dell'aereo da combattimento Gripen. Con tale fondo, la Svizzera prevede di comperare 22 aviogetti del costruttore svedese Saab.

SDA-ATS