Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In settembre prenderà avvio una formazione in mediazione dei conflitti al Politecnico federale di Zurigo (ETHZ), con il sostegno del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Lo scopo è quello di creare mediatori internazionali pronti a intervenire.

"Non si riesce a risolvere i conflitti quando le cose non sono state prese seriamente abbastanza presto", ha spiegato Didier Burkhalter al notiziario delle 12:30 della radio-tv romanda RTS. "Se dobbiamo fare mediazione, bisogna farla molto in fretta e con competenze molto buone", ha continuato il responsabile del DFAE, riferendosi alla tradizione svizzera dei buoni uffici, proposti recentemente nel quadro del conflitto in Ucraina.

Tale formazione sarà dispensata a 24 persone durante tre semestri e dovrà essere nuovamente proposta nel 2019 e nel 2021. La Confederazione parteciperà con un terzo del finanziamento complessivo. L'ETHZ conta pure sul sostegno di altri Stati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS