Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il PLR vuole una correzione di rotta nella politica energetica seguita dal Consiglio federale. A suo avviso la cosiddetta "rimunerazione a copertura dei costi per l'immissione in rete di energia elettrica (RIC)" è finanziariamente "avventurosa". E la destinazione parzialmente vincolata della tassa sul CO2 è "assai discutibile costituzionalmente".

Il PLR chiede dunque la messa in opera di una "vera" tassa d'incentivazione sul CO2, standard d'efficienza "chiari" per gli edifici e gli apparecchi elettrici e una liberalizzazione del mercato dell'elettricità. Un elemento centrale dello sviluppo futuro della tassa sul CO2, sostiene il partito in una nota, è la possibilità di un esonero dalla tassa per le imprese e i privati tramite accordi sugli obiettivi.

Già lo scorso autunno il PLR aveva rimesso in questione, esigendo un'alternativa, la strategia energetica del Consiglio federale, perché questa - afferma il partito - chiede di rafforzare i sussidi per le energie rinnovabili e nel contempo di instaurare una tassa sull'energia. Gli esempi all'estero - rileva il PLR - dimostrano che una simile strategia costa miliardi ai consumatori e ai cittadini senza peraltro indurli a un utilizzo efficiente dell'energia.

La contro-strategia proposta dal PLR - prosegue la nota - ha i seguenti obiettivi: utilizzare i potenziali di risparmio attuali con i costi più bassi possibili per i consumatori e le imprese, assicurare l'approvvigionamento energetico e assumere la fattura per proteggere il clima. L'elemento centrale di questa strategia - l'ottimizzazione della tassa d'incentivazione sul CO2 - dovrà essere ancorato nella Costituzione.

La tassa attuale dev'essere riformata, afferma il PLR. A causa dell'introduzione della destinazione parzialmente vincolata è infatti diventata a sua avviso un'imposta senza base costituzionale. Come prima, essa dovrà essere prelevata sui combustibili, "perché il carburante è già fortemente fiscalizzato".

SDA-ATS