Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Eliminare tutte le deduzioni di imposte per le famiglie a favore dei soli assegni per figli: il Dipartimento federale delle finanze (DFF) di Eveline Widmer-Schlumpf sta preparando un progetto che dovrebbe essere presentato l'anno prossimo in parlamento. Lo ha detto la ministra delle finanze in un'intervista al "SonntagsBlick".

"Vogliamo allontanarci da un sistema di deduzioni opache per andare verso un sistema di assegni famigliari", ha dichiarato la consigliera federale, che non ha voluto tuttavia fornire maggiori dettagli su questo cambiamento nella politica famigliare.

Gli assegni famigliari oggi esistono già e sono di almeno 200 franchi al mese. Gli assegni per la formazione sono come minimo di 250 franchi mensili. In numerosi cantoni, le somme sono più elevate.

Widmer-Schlumpf ha d'altra parte ripetuto la sua opposizione all'iniziativa a favore delle famiglie dell'UDC su cui il popolo è chiamato a esprimersi il 24 novembre. Secondo la responsabile del DFF, una deduzione fiscale per i genitori che accudiscono personalmente i figli "non è logica".

"Deduzioni supplementari possono essere rivendicate solo nel caso di spese per la custodia esterna dei figli". "Il fatto di affidare i figli a strutture esterne permette di avere un secondo reddito, indispensabile per numerose famiglie, sul quale devono essere pagate le imposte", spiega la consigliera federale. Chi si occupa personalmente dei propri figli non ha costi supplementari.

La ministra, madre di tre figli oggi adulti, ricorda inoltre che la Confederazione negli ultimi anni si è fortemente impegnata per le famiglie. Oltre il 50% delle famiglie oggi non pagano l'imposta federale diretta. Solo le famiglie ricche approfitterebbero dell'iniziativa dell'UDC, invece "la classe media poco o persino per nulla".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS