Navigation

Politica monetaria: la BNS dovrebbe lasciare invariati i tassi

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 marzo 2012 - 11:31
(Keystone-ATS)

La politica monetaria della Banca nazionale svizzera (BNS) dovrebbe rimanere immutata, anche dopo la riunione in programma domani. Esperti ed analisti sono unanimi nell'affermare che l'istituto di immissione manterrà invariati i tassi di riferimento e ribadirà la soglia minima di cambio fissata a 1,20 franchi per un euro.

La SNB dovrebbe così continuare a puntare su un tasso Libor a tre mesi vicino allo zero, con una fascia di oscillazione compresa tra lo 0,0% e lo 0,25%.

Quanto alle previsioni sull'evoluzione dell'inflazione i pareri sono discordanti. David Marmet, economista della Banca cantonale di Zurigo, ritiene che la SNB non annuncerà grandi variazioni rispetto ai mesi scorsi, mentre Reto Hünerwadel, di UBS, calcola che l'istituto centrale abbasserà nuovamente i suoi pronostici sul rincaro per il secondo trimestre 2012.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?