Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera e il Montenegro rafforzano la loro cooperazione in materia di polizia. I due Stati hanno firmato oggi a Podgorica un accordo bilaterale finalizzato alla lotta contro tutte le forme di criminalità.

Accordi analoghi sono già stati conclusi dalla Confederazione con il Kosovo, l'Albania, la Bosnia ed Erzegovina, la Macedonia e la Serbia, si legge in una nota dell'Ufficio federale di polizia (fedpol).

La convenzione, firmata da Slavko Stojanović, direttore della polizia del Montenegro, e da Nicoletta della Valle, direttrice di fedpol, permetterà un migliore scambio d'informazioni sulle persone sospettate di condurre attività criminali, un maggiore utilizzo dei canali Interpol nonché l'elaborazione congiunta di analisi di polizia.

Migliorerà inoltre la possibilità di riunire i quadri superiori di entrambe le forze di polizia per chiarire reati, nel rispetto del diritto nazionale di ciascun Paese. Anche l'addetto di polizia svizzero distaccato in Kosovo e dotato di accreditamento speciale in Montenegro potrà avvalersi di questo nuovo accordo nel quadro della propria attività.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS