Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

VARSAVIA - Processioni con i Tre Magi in programma domani in diverse città della Polonia per celebrare il giorno dell'Epifania, che per la prima volta dopo 50 anni è tornata ad essere una festività anche nel paese dell'ex-blocco sovietico.
A deciderlo è stato, nel novembre scorso, il Parlamento polacco accogliendo le richieste di ambienti cattolici che avevano raccolto oltre un milione di firme in favore del ripristino della festa dell'Epifania cancellata dal regime comunista nel 1960.
A Varsavia la processione religiosa che attraverserà la cosiddetta Via reale del centro storico sarà guidata dal cardinale Kazimierz Nycz, che sarà preceduto da un piccolo gregge di pecore e una banda di montanari mentre i magi si sposteranno su due cavalli e un camello. A Cracovia la manifestazione partirà dal castello reale Wawel sotto la guida del cardinale Stanislaw Dziwisz. Altre sfilate tradizionali dopo la messa si svolgeranno a Danzica, a Breslavia, a Stettino, a Poznan e a Kielce.
In una lettera ai fedeli, l'episcopato polacco ha ringraziato domenica scorsa le autorità per il provvedimento e anche la popolazione per la pressione sociale esercitata. I vescovi hanno ricordato che l'Epifania, anche se cancellata da 50 anni fa come festività, è stata sempre ritenuta una festa religiosa.
Scontento invece il sindacato Solidarnosc dato che, secondo un nuovo emendamento al Codice del lavoro, in cambio della festa dell'Epifania i lavoratori non potranno più chiedere un giorno libero se un'altra festa (ad esempio il primo maggio) cade di sabato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS