Navigation

Polonia: frontale tra treni, 16 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2012 - 21:43
(Keystone-ATS)

Sedici morti, fra i quali una cittadina americana, e 57 feriti, di cui metà ricoverati in gravi condizioni. È il tragico bilancio, forse non ancora definitivo, dello scontro tra due treni a Szczekociny, nel sud della Polonia, sulla tratta tra Varsavia e Cracovia.

L'incidente è avvenuto ieri sera, quando l'espresso proveniente da Przemysl e diretto a Varsavia si è scontrato frontalmente con il convoglio proveniente da Varsavia e diretto a Cracovia, che si trovava sul binario sbagliato. La dinamica dell'incidente non è ancora chiara, anche se i media non escludono l'errore umano: a chiarire i dettagli potranno forse essere due dei tre macchinisti sopravvissuti.

Per il premier polacco, Donald Tusk, e il presidente, Bronislaw Komorowski, si tratta di "una delle più tragiche catastrofi ferroviarie" avvenute in Polonia negli ultimi anni. Komorowski ha annunciato da domani il lutto nazionale di due giorni.

Ciò che preoccupa è lo stato ancora arretrato delle infrastrutture del Paese, che fra tre mesi ospiterà gli Europei di calcio 2012, e con l'arrivo di numerosi tifosi sarà sottoposto ad una dura prova. Probabilmente, è per questa ragione che sul luogo dell'incidente si sono recati il premier, il presidente e anche alcuni ministri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?