Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

VARSAVIA - A 70 giorni dalla morte del loro presidente nell'incidente aereo di Smolensk, in Russia, i polacchi hanno votato oggi per decidere sul dopo Lech Kaczynski: nessuno dei due principali candidati in corsa per la sua successione, Bronislaw Komorowski e Jaroslaw Kaczynski, ha raggiunto il necessario quorum del 50%, per cui dovranno vedersela a un secondo turno il 4% luglio.
Secondo gli exit poll, Komorowski, presidente del Sejm, candidato del partito liberal conservatore di governo Piattaforma Civica (Po) - dato sempre in testa nei sondaggi prima del voto, e addirittura vincente al primo turno prima della morte di Lech - risulta ora primo al 40,7% o 45,7%. Kaczynski invece, gemello del presidente morto, leader del partito tradizionalista di destra Diritto e Giustizia (Pis), è dato al 35,8% e 33,2. Il che vuol dire ballottaggio certo, ma anche vittoria probabile di Komorowski al secondo turno. Ovvero, presidenza e governo sarebbero espressione dello stesso partito, con, prevedibilmente, meno conflitti legislativi e istituzionali e una politica estera più europea e meno nazionale.

SDA-ATS