Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Polveriera Medio Oriente intimorisce borse, infiamma petrolio

I bombardieri statunitensi che tornano in azione sull'Iraq, la tregua a Gaza già finita, l'Ucraina che scatena una guerra delle sanzioni fra Russia e Occidente. L'estate 2014 vede un moltiplicarsi di teatri di guerra e i mercati non stanno a guardare, con le borse europee che chiudono una settimana nera, lo spread che s'infiamma, il petrolio che torna a correre.

All'indomani dell'allarme lanciato ieri da Mario Draghi, secondo cui il rischio geopolitico mette un'ipoteca sulle prospettive di crescita dell'Eurozona, i listini europei chiudono due settimane consecutive in rosso per la prima volta da marzo, con perdite di oltre il 10% per il Dax tedesco dai massimi storici segnati solo due mesi, e della stessa entità per il Cac-40 francese dai massimi di sei anni segnati a giugno. A pesare sulle borse europee - che chiudono contrastate con Londra a -0,45%, Francoforte a -0,33%, Parigi poco mossa e Milano e Madrid in recupero dopo la recente correzione - è l'autorizzazione degli attacchi aerei da parte del presidente Usa Barack Obama.

Ma il clima negativo già c'era nel mezzo della crisi di Gaza e Ucraina. Viaggiano positivo gli indici Usa, con il Dow Jones a New York che guadagna lo 0,40% anche se resta negativo su base settimanale. E gli investitori in fuga dal rischio chiudono le posizioni anche sui titoli di Stato a buon rendimento per rifugiarsi nel porto sicuro offerto dal treasury americano o nel bund tedesco, come i Btp italiani con uno spread oggi volato a poca distanza dai 200 punti base per chiudere a 176.

I trader del petrolio tengono invece gli occhi puntati sugli sviluppi iracheni, per capire e anticipare cosa potrebbe succedere con i flussi di greggio. In molti si aspettano un colpo ulteriore alla produzione (già ridotta dal caos nel paese) in grado di infiammare le quotazioni: il brent scambiato a Londra sale a 105,85 dollari al barile, il Wti a New York segna +0,3% a 97,66 dollari nella prima parte della giornata di contrattazione. Segnali di tensione, anche se i livelli sono ancora inferiori ai massimi di oltre 107 dollari (per il Wti) raggiunti due mesi fa.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.