Navigation

Ponte Tresa (I): rientra con 60mila euro, sequestrati 25mila euro

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2012 - 18:41
(Keystone-ATS)

Durante alcuni controlli valutari di confine, i funzionari dell'Ufficio delle dogane italiane hanno individuato un cittadino italiano che rientrava nella vicina Penisola in possesso di banconote non dichiarate per un totale di 59'175 euro.

I funzionari doganali hanno quindi proceduto al sequestro di 24'587,50 euro, pari al 50% dell'importo eccedente i 10'000 euro (per il quale è previsto l'obbligo di dichiarazione all'Agenzia delle Dogane italiane), secondo quanto prescritto dalle nuove disposizioni.

All'uomo è stata contestata la violazione per la quale non ha potuto chiedere l'estinzione effettuando un pagamento in misura ridotta (oblazione) in quanto l'importo del denaro contante, eccedente il limite consentito, superava i 40'000 euro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?