LISBONA - La Banca nazionale del Portogallo ha rivisto oggi al ribasso le previsioni di crescita per il 2011 tenendo conto dell'effetto delle misure di austerità antideficit decise dal governo, e ha indicato che il Pil dovrebbe diminuire del 1,3% quest'anno.
L'istituto centrale aveva previsto in precedenza un livello di crescita zero nel 2011 per il paese. Nel 2012 il Portogallo dovrebbe tornare alla crescita con un +0,6%.
La revisione delle previsioni, ha indicato la Banca nazionale, "è determinata soprattutto dagli effetti delle misure di risanamento del bilancio previste dalla finanziaria 2011", che devono ridurre il deficit quest'anno al 4,6%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.